L’istituto Statale d’Arte “Leoncillo Leonardi” nasce nel 1961 con Decreto dell’Ispettorato di Istruzione Artistica per volontà determinante del Sindaco Dott. Giovanni Toscano, condivisa ed alimentata dall’entusiasmo del Prof. Lionello Leonardi e da suo fratello Leoncillo, dal pittore Ugo Rambaldi seguiti dal gruppo di giovani promettenti artisti spoletini Bruno Toscano, Piero Raspi, Giuseppe De Gregorio, Filippo Marignoli e Giannetto Orsini.
L’idea ebbe un “precedente” a Spoleto sempre per la volontà dei personaggi sopra citati. Era stato realizzato il Premio Nazionale di Arti Figurative con l’intento principale di costituire una galleria comunale di Arte Moderna. Il premio, presto affermatosi in Italia, polarizzò l’attenzione e poi la partecipazione di affermati artisti contemporanei e di giovani interessanti proposte e, conseguentemente, di critici del settore tra i più importanti. Così il “precedente” fu effettivamente la sedimentazione e l’alveo che portò alla realizzazione dell’Istituto d’Arte. Certamente anche il contemporaneo Festival dei Due Mondi molto contribuì alla affermazione dell’idea. Il Decreto Ministeriale del 1961 sanciva la costituzione dell’Istituto Statale d’Arte in Spoleto con le sezioni di Metalli-Oreficeria, Scenotecnica e Tessitura. Successivamente negli anni ‘70 si è aggiunta la sezione di Fotografia Artistica.
L'istituto ha avuto sede fino al 1997 nel settecentesco Palazzo Collicola, edificio prestigioso, ma nel tempo inadeguato a contenere la scuola. Nel novembre del 1997 l’Istituto Statale d’Arte di Spoleto ha acquisito la sua sede definitiva nell’ex Convento di S. Domenico, in piazza XX settembre, con succursale nell’ex Convento della Trinità, monumento che, per il suo pregio architettonico e storico, è tutelato dalla Sovrintendenza ai BBCCAA.