Una storica macchina fotografica del Liceo Classico alla mostra virtuale del Mibact e del Getty Research Institute

Una delle macchine fotografiche della collezione storica del Liceo classico di Spoleto inserita nella mostra virtuale dedicata a Stefano Lecchi dalla Biblioteca di Storia moderna e contemporanea del Mibact e dal Getty Research Institute.

Con molto piacere il nostro istituto ha concesso di fotografare ed esporre in rete una delle sue prestigiose macchine fotografiche. La mostra vuole rendere possibile la consultazione delle fotografie (carte salate al bromuro di iodio) realizzate nel 1849 da Stefano Lecchi e oggi possedute dalla Biblioteca di Storia moderna contemporanea di Roma e dal Getty Research Institute di Los Angeles.

Nella sezione approfondimenti sono in mostra gli strumenti utilizzati per ottenere queste foto. In particolare è esposta la foto di una delle nostre macchine, usata per la calotipia, tecnica che fu molto utilizzata dal 1839 al 1860 e rappresenta il primo vero procedimento di stampa fotografica in senso moderno perché permetteva di ottenere più copie positive da un negativo.

Ulteriori info: https://www.movio.beniculturali.it/bsmc/stefanolecchi/it/17/tecniche

In foto: Macchina fotografica per dagherrotipi dello studio di Vincenzo Bassoni (1824-1900), litografo, il primo fotografo professionista di Spoleto. (Prop. Gabinetto di Fisica, Liceo classico Pontano-Sansi di Spoleto)